News di Matepristem

21/06/2017

È stato assegnato a Antonio Azzollini dell'Università degli Studi della Basilicata e Alessio Pomponio del Politecnico di Bari prestigioso James S. W. Wong JMAA Prize. Il Premio, che consite in un assegno di 10000 dollari, è stato istituito dall'editore Elsevier nel 2012 in onore del matematico James S. W. Wong e viene assegnato ogni due anni dal comitato editoriale della rivista internazionale JMAA – Journal of Mathematical Analysis and Applications agli autori di articoli di eccezionale valore scientifico pubblicati nei dieci anni precedenti.

I matematici italiani sono stati premiati per l'articolo, a firma congiunta, pubblicato su JMAA nel 2008 dal titolo "Ground state solutions for the nonlinear Schrödinger-Maxwell equations", in cui sviluppano l'equazione non lineare di Schrödinger accoppiata al sistema di Maxwell per descrivere complessivamente il fenomeno fisico dell'interazione di una particella carica con un campo elettromagnetico, dimostrando l'esistenza di uno stato fondamentale che ottimizza le possibili soluzioni.

Antonio Azzollini e Alessio Pomponio

19/06/2017

Segnaliamo l'articolo, a firma del giornalista Rocco Brancati, apparso su La Gazzetta del Mezzogiorno dello scorso 16 giugno dal titolo "Il Vescovo Juan Caramuel fu il primo a utilizzare l'aritmetica a due simboli". Nell'articolo si racconta di Juan Caramuel (1606-1682) vescovo e matematico spagnolo che ebbe sede, tra le altre, in Italia a Vigevano.

Nell'articolo si racconta che il sistema numerico binario fu ideato proprio da Caramuel con la pubblicazione del volume "Mathesis biceps. Vetus et nova" del 1669. Se ne trovava già traccia nelle opere del matematico e fisico scozzese John Napier, fu ripreso successivamente da Leibniz che ne studiò per primo l'aritmetica. Il sistema dimenticato per molto tempo fu riscoperto in seguito nel 1847 dal matematico inglese George Boole che con i suoi studi gettò le basi dell'attuale Logica informatica.

16/06/2017

Il gruppo di ricerca nell'Università dell'Oklahoma a Stillwater guidato dal matematico Henry Segerman ha realizzato il primo software capace di simulare mondi nei quali le regole della geometria tradizionale non esistono più. "Mi sento come se tutto l'universo fosse una sfera dal raggio di circa due metri" così ha commentato lo stesso Segerman.

fonte: eleVR

 

Grazie alla realtà virtuale è possibile entrare nei mondi più incredibili, uno strumento che potrebbe rendere molto più semplice studiare le geometrie non euclidee. Il progetto, nato dalla collaborazione tra matematici e fisici, si chiama Hyperbolic Vr ed è condotto in collaborazione con il gruppo di matematici-artisti di San Francisco chiamato eleVR.

Per approfondimenti: arxiv.org/abs/1702.04004

14/06/2017

Il prossimo 22 giugno si terrà la seconda prova dell'Esame di Stato 2017. Gli studenti dei Licei scientifici saranno chiamati ad affrontare la prova di Matematica.

Come ormai tradizione il PRISTEM seguirà la giornata e, a partire dalle 15, pubblicherà su questo sito le soluzioni commentate dei problemi e questionari proposti in sede d'esame di maturità.

Nel frattempo... buono studio a tutti!

13/06/2017

Con la chiusura dell'anno accademico 2016-2017 è stato registrato un notevole aumento del numero di studenti che dopo il diploma hanno deciso di iscriversi all'Università, invertendo quella tendenza negativa iniziata nel 2004.

Se l'anno 2015-2016 è stato l'anno della svolta rispetto agli anni precedenti, con l'aumento del 1,9% del numero di matricole, l'anno accademico appena conclusosi ha fatto registrare un vero e proprio boom. La crescita è avvenuta in modo compatto, sia al Nord che al Sud: le facoltà preferite rimangono Ingegneria ed Economia.

Tra gli atenei al sud, sono ragguardevoli i risultati dell'Università di Foggia, al secondo posto in quanto ad incremento di matricole, di Perugia e di Camerino, nella zona del terremoto, che ha fatto registrare un +24%. L'Università "La Sapienza" di Roma, con il suo +10%, rappresenta l'eccezione nella zona laziale, ancora in arretramento. Al nord a spiccare in questa speciale classifica sono l'Università Bicocca, nell’area lombarda, e l'Università di Parma.

Le cause di questa inversione di rotta nel numero di nuovi iscritti si ritrovano nelle politiche di contenimento dei costi degli Atenei e nelle iniziative di orientamento attuate nelle scuole superiori. Entusiasta la Ministra Fedeli che avverte: "La ripresa delle immatricolazioni va colta e sostenuta, facendo conoscere agli studenti i servizi offerti e allargando, come abbiamo fatto, l'area no tax".

12/06/2017

Come già avevamo dato notizia, il matematico francese e Medaglia Fields Cédric Villani è candidato all'Assemblea Nazionale di Francia per il movimento La République en marche! del neopresidente francese Macron nella quinta circoscrizione del Dipartimente dell'Essonne (regione dell'Île-de-France la cui parte settentrionale rientra nella zona metropolitana della regione parigina mentrenella parte meridionale è presente un'economia agricola). Lo scorso 11 giugno si è tenuto il primo turno delle elezioni amministrative e Villani ha ottenuto un eccellente risultato arrivando primo con il 47,46% dei consensi.

Per risultare eletto il matematico francese dovrà affrontare il prossimo 18 giugno il secondo turno di ballottaggio contro la repubblicana Laure Darcos, arrivata seconda con oltre 30 punti percentuali di distacco.

Emmanuel Macron e Cédric Villani

07/06/2017

L'Unione Matematica Italiana (UMI) hanno conferito Alberto Cogliati, ricercatore presso l'Università degli Studi di Milano, il Premio internazionale destinato a giovani studiosi (al di sotto di quarant'anni) per un'opera o un gruppo di lavori di alto rilievo scientifico nell'ambito della Storia delle Matematiche, con particolare riferimento ad argomenti che riguardano gli sviluppi della Matematica in Italia.

Le motivazioni dell'assegnazione del premio evidenziano l'impegno di Cogliati nello studio dei lavori di Elie Cartan e di quelli sull'analisi storica dei gruppi infiniti continui, mettendo a fuoco il contributo dell'italiano Paolo Medolaghi. Ulteriori temi sono la ricostruzione del percorso euristico che ha condotto Jacobi alle leggi di trasformazione per gli integrali ellittici del primo tipo partendo da alcune osservazioni di Giovanni Plana e la disamina della storia del parallelismo di Clifford e della sua influenza nella scuola geometrica italiana rappresentata da Luigi Bianchi, Guido Fubini, Tullio Levi-Civita e Enea Bortolotti.

Alberto Cogliati

05/06/2017

Lo scorso 4 maggio l'Ordinanza Ministeriale n. 257/2017 Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria di secondo grado nelle scuole statali e paritarie ha chiarito in maniera definitiva la questione sull'ammissibilità della calcolatrice scientifica (in particolare quella grafica) in sede di prova scritta di maturità di Matematica per i Licei scientifici.

"Ai fini dello svolgimento della seconda prova scritta nei licei scientifici è consentito l'uso di calcolatrici scientifiche e/o grafiche, purché non siano dotate di capacità di calcolo simbolico (CAS – Computer Algebric System). È inoltre vietato l'uso di calcolatrici provviste di qualsiasi tipo di connessione in modalità wireless, o che richiedano la connessione alla rete elettrica. Per consentire alla commissione d'esame il controllo dei dispositivi in uso, i candidati che intendono avvalersi della calcolatrice devono consegnarla alla commissione in occasione dello svolgimento della prima prova scritta".

Si chiude dunque una questione che ha suscitato anche qualche polemica e rimostranza sull'uso di uno strumento di calcolo di supporto ai prossimi maturandi.

26/05/2017

Il 25 maggio è scomparso a Madrid, dove si trovava per impegni professionali, l'astrofisico e divulgatore scientifico Giovanni Bignami.

Nato a Desio (MB) il 10 aprile 1944, si era laureato in Fisica nel 1968 all'Università di Milano nel gruppo di Giuseppe Occhialini. Si è occupato di ricerca spaziale, partecipando alle principale attività in tale campo in Italia, Europa e Stati Uniti. La comunità scientifica internazionale lo aveva conosciuto grazie al suo lavoro del 1972 che portò alla scoperta di Geminga, la prima stella di neutroni senza emissioni radio.

Giovanni Bignami

 

Dopo una carriera ventennale presso il CNR divenne, nel 1990, professore ordinario di Fisica generale all'Università di Cassino e, nel 1997, professore ordinario di Astronomia all'Università di Pavia. La sua carriera è proseguita diventando, dal 2007 al 2008, Presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana, poi, dal 2010 al 2012 è stato il primo italiano a presiedere il COSPAR (Comitato per la Ricerca Spaziale). Dal 2011 al 2015 è stato Presidente dell'INAF (Istituto Nazionale di Astrofisica) ed è stato presidente del consiglio di amministrazione del progetto SKA (Square Kilometre Array), progetto internazionale di rilevamento di onde radio mediante un radiotelescopio in costruzione in Australia e in Sud Africa per sondare lo spazio profondo.

L'attività di ricerca è stata a lungo affiancata da un'intensa attività di divulgazione con articoli su numerosi quotidiani e riviste. Era soprattutto noto al grande pubblico come curatore della rubrica "Polvere di Stelle" all'interno del programma televisivo Superquark di Piero Angela.

15/05/2017

È notizia recente che il matematico francese Cédric Villani è candidato alle prossime elezioni del 11 e 18 giugno per il rinnovo dell'Assemblea Nazionale di Francia nelle liste del partito Republique En Marche! Del neoeletto Presidente della repubblica francese Emmanuel Macron.

Villani, 43 anni, attivo nel campo delle equazioni differenziali e della fisica matematica e vincitore nel 2010 della Medaglia Fileds, è stato candidato per il dipartimento francese dell'Essonne. Regione dove si trova la città di Saclay, considerata la Silicon Valley francese dove Villani avrebbe il desiderio di creare una cittadella della scienza e della tecnologia. Un progetto per avvicinare i giovani alla scienza e alla matematica in particolare a cui il matematico tiene in modo particolare e di cui avrebbe già informato il Presidente Macron nel corso della campagna elettorale per le presidenziali.

Cédric Villani

09/05/2017

Segnaliamo l'articolo apparso su le Scienze dello scorso aprile a firma del logico matematico Piergiorgio Odifreddi che racconta la matematica secondo una delle più grandi menti del Novecento André Weil (1906-1998),

Nel contributo viene riassunto, attraveros le parole dello stesso Weil, il programma di lavoro di rifondazione della Matematica sulla base del concetto di struttura, portato avanti insieme agli altri matematici del gruppo Bourbaki.

Qui l'articolo Analogie matematiche di P. Odifreddi.

29/04/2017

Vi segnaliamo che la casa editrice Aracne ha appena pubblicato il libro di Giuseppe Boscarino, storico e filosofo della scienza, "The mystery of Archimedes. The tradition of italic thought of science".

Si tratta di una collezione di articoli e relazioni di convegno sulla figura ma soprattutto sul pensiero di Archimede. Un pensiero del tutto originale che ha come maestri Euclide e Demicrito. A quest'ultimo in particolare Archimede riconosce meriti scientifici innovativi, ma la sua produzione immensa è scomparsa. Si dice che Platone abbia voluto bruciare le opere di Democrito ma che è stato ostacolato dai Pitagorici e sulla sua opera, a differenza di tutti i presocratici, sembra essersi avverata una cospirazione del silenzio. Quindi il mistero non è più Archimede, ma la scomparsa di quell'immensa produzione da cui il pensiero di Archimede nasce.

27/04/2017

Nei giorni scorsi aveva suscitato qualche polemica la richiesta da parte del duputato della Repubblica Lugi Gallo di consentire agli studenti dei Licei scientifici di poter consultare, nel corso della seconda prova di Matematica, un formulario riportante tutte le formule da applicare nella soluzione degli esercizi.

A confermare il divieto è il sottosegretario all'Istruzione Vito De Filippo che giovedì scorso ha risposto in commissione cultura, alla Camera, a un'interrogazione dell'onorevole Luigi Gallo. Per De Filippo chi propone questo suporto "probabilmente vive l'apprendimento della matematica come uno sforzo essenzialmente mnemonico. In realtà un effettivo e solido apprendimento di una qualunque disciplina richiede, da un lato, l'immagazzinamento nella memoria delle informazioni e delle coordinate concettuali fondamentali, dall'altro, l'acquisizione delle competenze di orientamento, sintesi, connessione tra i contenuti che consentono di costruire soluzioni". A tal proposito il sottosegretario ha parlato di matematica come combinazione di logica e ragionamento dal quale dedurre le formule necessarie per affrontare al meglio di Matematica.

20/04/2017

Segnaliamo un articolo apparso su il Corriere della Sera dello scorso 14 aprile a firma di Orsola Riva, in cui si riportano gli esiti di uno studio condotto da Velichka Dimitrova, ricercatrice bulgara in forza al Royal Holloway College, secondo il quale la giornata di studio perfetta per gli alunni delle scuole prevedrebbe Matematica al mattino e Storia al pomeriggio.

La ricerca ha ricevuto qualche critica e nell'articolo vengono presentati alcuni interventi di commento allo studio oltre che una breve intervista all'autrice della ricerca.

Qui l'articolo

11/04/2017

Nella notte tra il 7 e l'8 aprile a Trento (dove il PRISTEM si trovava "in trasferta" per il Convegno di primavera) è stato appiccato un incendio doloso nel Laboratorio di Matematica Industriale e Crittografia della Facoltà di Scienze dell'Università di Trento, in via Sommarive a Povo, che ha danneggiato alcune apparecchiature.

La matrice dell'attentato è riconducibile all'area anarchica, sul muro della parete esterna dell'edificio è stata ritrovata la scritta "Cryptolab ricerca per la guerra". Pare che la ragione di questo folle e vile attentato sia il progetto di collaborazione avviato dall'Università di Trento, attraverso la Fondazione Bruno Kessler, per sviluppare sistemi di difesa dei dati e delle informazioni.

Il Rettore dell'Università trentina Paolo Collini ha affermato che: "Chi ha compiuto questo gesto non conosce altro linguaggio che la violenza e la sopraffazione. Condanniamo chi vuole imporre in questo modo il proprio punto di vista. Il linguaggio che invece parlano la scienza e l'università è quello del dialogo, del confronto tra i diversi punti di vista".

03/04/2017

Segnaliamo l'articolo apparso sull'edizione elettronica del quotidiano la Repubblica a firma del matematico Piergiorgio Odifreddi dal titolo "Bob Dylan: poesia, musica e... matematica".

Nel contributo si fa riferimento ad alcune dichiarazioni del cantautore statunitense e Premio Nobel per la Letteratura 2016 sul componimento delle sue splendide canzoni, fra le quali: "non saprei come definirla, ma non è folk-rock, è suono matematico".

31/03/2017

Da un confronto internazionale condotto dall'OCSE che indaga il divario tra studenti svantaggiati e compagni più fortunati nel corso della vita, dopo il diploma, in termini di abilità in Lettura e Matematica fotografa una scuola che aiuta gli studenti meno avvantaggiati rendendo così il modello italiano il migliore a livello europeo.

Nonostante il divario di prestazioni tra studenti avvantaggiati (con almeno un genitore laureato e con oltre 100 libri a casa) e svantaggiati (con meno libri e genitori con un livello di istruzione più basso) cresca in tutti e 20 i Paesi oggetto dello studio, in Italia questo divario è limitato (sia in Italiano che in Matematica), ovvero la scuola italiana è più inclusiva di quanto si pensi e riesce a supportare meglio i soggetti meno fortunati.

17/03/2017

Incubo per molti ma sogno per sempre più persone, la Matematica sta diventando quasi di moda nel nostro Paese. Infatti secondo i dati OCSE tra il 2004/2005 e il 2014/2015 le immatricolazioni nei corsi di laurea in Matematica in Italia sono aumentate del 27,1%.

I motivi di questo boom, secondo Chiara Grosso (presidente di FourStars, società accreditata dal Ministero del Lavoro): "I laureati in matematica imparano ad applicare in vari contesti il metodo scientifico e risolvere con l'utilizzo della matematica problemi complessi, anche se formulati in linguaggio non matematico. Sul piano delle soft skill, un laureato in matematica saprà sicuramente lavorare con un ampio grado di autonomia, nonché assumersi responsabilità organizzative. Per questo motivo i laureati in matematica hanno alte probabilità di trovare un'occupazione già entro 12 mesi dal titolo di studi".

Dati confermati dalle analisi di AlmaLaurea: nel 2016, nonostante la crisi, i laureati in Matematica a dodici mesi dal titolo raggiungono un tasso di occupazione dell'83% con un guadagno mensile netto che si aggira sui 1076 euro. A cinque anni dalla laurea la percentuale degli assunti a tempo indeterminato è di circa il 55%, numeri che non hanno confronto con la gran parte dei corsi di laurea scientifici e non.

12/03/2017

Il 14 marzo 2017, nella scrittura anglosassone della data 3.14, si festeggerà la giornata mondiale dedicata al pi greco (π). La prima celebrazione del "Pi Day" si tenne nel 1988 all'Exploratorium di San Francisco, per iniziativa del fisico americano Larry Shaw, in seguito insignito del titolo di "Principe del pi greco".

Numerose saranno le iniziative per celebrare il celebre numero. Fra le molte vi segnaliamo la "festa" che si terrà presso l'Auditorium Casalinuovo di Catanzaro e avrà come tema "Matematica e Geologia" e che vedrà importanti interventi, tra cui quelli del dott. Carlo Tansi (Resp. Protezione Civile Regionale) e del prof. Gino Mirocle Crisci (Rettore UniCal), cui si affiancheranno quelli dell'ing. Francesco Fusto (ArpaCal), della prof.ssa Maria Vittoria Avolio (UniCal) e del presidente Roberto Cerrato dell'Ass. Proteggere Insieme.

06/03/2017

Su La Lettura, inserto settimanale del Corriere della Sera, del 5 marzo è apparso un articolo in cui vengono intervistati alcuni ragazzi (talentuosi) nati nel 1999, ultima generazione del vecchio millennio e ormai prossimi alla maggiore età.

Tra i ragazzi presentati c'è il "matematico" romano Federico Viola, classe 1999 (per l'appunto), studente al quarto anno del Liceo scientifico "A. Righi". Il suo talento e la sua passione per la Matematica lo portano a viaggiare in giro per l'Italia e per il mondo, partecipando con grande successo a svariate competizioni matematiche.

Nel corso della breve intervista Federico Viola ricorda che la prima scintilla di amore verso la Matematica è nata quando frequentava le scuole medie proprio grazie ai Campionati Internazionali di Giochi matematici; competizione alla quale partecipò nel 2012 risultando tra i vincitori italiani e dunque prendendo parte alla squadra nazionale per la finalissima di Parigi. Come lui stesso afferma: "A scuola si tende ad applicare quello che si studia, mentre in queste gare extra serve soprattutto saper trovare ogni volta la strategia giusta. Partecipare mi ha dato stimoli e mi ha fatto sentire più apprezzato".

Un bel messaggio rivolto a tutti i "giochisti" che il prossimo 18 marzo si sfideranno nelle semifinali dei Campionati Internazionali di Giochi matematici 2017.